La porta (14 luglio 2015)

Film

Aprendo le pagine de “La Porta” della Szabò, mentre la porta che dà il titolo al romanzo restava chiusa, abbiamo incontrato Emerenc: una donna forte, arcigna, ferita dalle esperienze passate ma anche empatica e capace di un amore senza limiti e regole. Un personaggio dai contorni mitici, che disprezza il lavoro intellettuale di Magda, la sua devozione religiosa, mentre poi intreccia con lei un legame che la porterà alla distruzione.

IMG_20150723_205910Emerenc lavora come domestica in casa Magda (voce narrante e alter ego largamente sovrapponibile all’autrice stessa) ma questo è un dettaglio poco importante ai fini della storia: è piuttosto Magda al servizio di Emerenc, la quale le mostra un modo più semplice e pragmatico di vivere, qualcosa di cui Magda è incapace. E attraverso il confronto ed il racconto diretto delle vicende imperniate su Emerenc, le pagine svelano indirettamente e nel profondo anche i pensieri e i limiti del personaggio-autore Magda.

‘Lei non capirà mai le cose semplici, vuole entrare da dietro anche se la porta è sul davanti’. E ancora: ‘lei dovrebbe imparare a dimenticare, perché il suo cervello è come la resina, quando qualcosa ci resta impigliato dentro non esce più. Lei la fa pagare a tutti quelli con cui ha avuto da ridire, me compresa. E almeno gridasse, invece no sorride. E’ la persona più vendicativa che ho incontrato.

 

Questo è disprezzo a parole ma amore nei fatti: o almeno è questo sentimento quando è totalmente slegato dalla passione fisica e diventa ammirazione e dedizione all’altro. E il romanzo ci racconta anche “le conseguenze dell’amore” (cit), ovvero il danno che segue alla vulnerabilità, quando si diventa vulnerabili perché si ama. La stessa Emerenc ne parla, anche se sembrano parole messe in bocca dall’autrice:

‘impari soltanto una cosa, non bisogna mai amare nessuno perdutamente perché altrimenti si causa la sua rovina. Se non è prima sarà poi. La cosa migliore è non amare mai nessuno…

Voto SCL: 6, 9/10

 

Annunci

commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: